Aiki Jujitsu – Aikijutsu

L’ Aikijujutsu è considerato, in Giappone[1], come una delle più antiche e nobili scuole di bujutsu. Sarebbe stata fondata nel 1087 da Shinra Saburō Minamoto no Yoshimitsu (新羅 三郎 源 義光, 10451127), samurai del clan Minamoto, terzo figlio di Yoriyoshi Minamoto, discendente della quinta generazione dell’imperatore del Giappone, della dinastia Minamoto, Fujiwara Seiwa (850881), e la sua evoluzione si sarebbe svolta in parallelo con la storia del Giappone.

Storia

Il clan Minamoto era uno dei maggiori del Giappone e Yoriyoshi Minamoto, principe militare ereditario (Daimyō) della provincia di Chinjufu era stato inviato dall’imperatore a sedare una rivolta del clan Abe[3]. La guerra durò per 11 anni (10511062) sino a quando Sadatou Abe fu sconfitto nella battaglia di Yakata Koromogawa[4].

Successivamente i figli di Yoriyoshi combatterono nella guerra Gosannen (10831087) contro il clan Kiyohara[5]. Minamoto Yoshiie (uno dei figli) era in difficoltà, fu raggiunto dal fratello Yoshimitsu e insieme espugnarono la fortezza di Kanazawa. Yoshimitsu era il signore del castello di Daitō (da cui deriva poi il nome dell’arte), ma il figlio Yoshikiyo al termine della guerra si trasferì a Takeda nella provincia di Kai dove assunse il nuovo nome di Yoshikiyo Takeda, dando così origine al Clan Takeda[6].

Gli insegnamenti marziali sarebbero stati trasmessi in segreto presso il clan Takeda, che le avrebbe tramandate fino ai giorni nostri[7].

Nel 1674 alcuni documenti segnalano che l’influenza del Nishinkan[8] del clan Takeda si è espansa su tutto il territorio d’Aizu, intorno al quale fioriscono molte scuole marziali principali che insegnano solo ai bushi del clan Aizu. Si contano 5 stili di scherma, 2 di ju jitsu (la famosa Mizu no Shinto-ryu e Shinmyo-ryu) proprie del clan Aizu più una miriade di scuole private che insegnano anche ai samurai di minor rango: 22 di scherma, 16 di jujutsu, 16 d’armi da fuoco, 14 d’estrazione della spada, 7 di tiro con l’arco, 4 di lancia e 1 d’alabarda, falcetto con catena, bastone, lotta con l’armatura senza armi[9].

Per due delle scuole citate vige il divieto di fornire dimostrazioni in pubblico. Sono le due scuole segrete del clan Aizu – l’Oshikiuchi (già Aiki-in-yo-ho, poi Daito-ryu Aikijujutsu) del clan Takeda e il kenjutsu di Misoguchi-ha Itto-ryu del clan Aizu[10].

Nel periodo Edo (16001868) la città d’Aizuwakamatsu nel distretto di Aizu era nota per la potenza del castello Tsurugajo, fatto costruire nel 1384 (periodo Ashikaga) da Ashina Naomori (all’epoca daimyoo d’Aizu), e al tempo della rivolta guarnito dalle truppe del clan Aizu, addestrate dal clan Takeda che forniva anche i migliori samurai per la guardia dello shogun. Nel 1868 il nerbo delle forze bene resiste alle forze nemiche, contro cui combattono anche due formazioni di giovani Takeda addestrati nell’Oshikiuchi (il futuro Daito-ryu Aikijujutsu): la squadra Byakkottai (Tigri Bianche)[11] e la squadra Joshigun (l’una maschile e l’altra femminile, entrambe formate da giovani tra i 15 e i 17 anni)[12]. Quando le armate Meiji si avvicinano al castello Tsurugajo difeso dal daimyoo d’Aizu Matsudaira Katamori, le due squadre accorrono in suo aiuto. Vedendo la struttura assediata e avvolta dal fumo e, pensando al peggio, essi compiono l’unico atto degno del bushido: il seppuku. Alle porte della città oggi sorge un monumento in memoria dei giovani Takeda suicidi[13].

La battaglia, benché ormai persa, in realtà continua altre quattro settimane, e il castello, che non era in fiamme come avevano creduto i giovani, è ancora in mano degli Aizu-Takeda. I superstiti, nell’esempio dell’eroismo delle giovani squadre scelgono di continuare a combattere sino alla morte, e come in passato, le famiglie commettono seppuku così che i loro mariti e padri non debbano preoccuparsi di loro in quanto la sconfitta è ormai inevitabile. Quando le armate dell’imperatore entrano nel castello non vi è un sol uomo vivo[14]. In casa del capo-clan Takeda trovano 21 donne e bambini morti suicidi. Terminava così l’egemonia degli shōgun. Ma termina anche un’era, quella dei veri samurai.[15]

Inizia infatti il periodo Meiji (18681912), la rivoluzione sociale che ne segue stravolge il concetto di caste e nessuno può più portare in pubblico il daishō (le due spade, lunga e corta, simbolo della classe militare dei bushi)[16].

Pochi anni prima era nato un bimbo: Sokaku Takeda (18601943), che all’epoca aveva solo otto anni. Il padre, Takeda Soikichi, discendente della stirpe Takeda nel feudo di Aizu, lo aveva nascosto al sicuro, e ben presto il giovane Takeda oltre a studiare l’arte di famiglia, l’Oshikiuchi, inizia il suo musha shugyo (pellegrinaggio d’apprendistato): crescendo con quell’educazione era divenuto, senza volerlo, un rōnin, ovvero un bushi senza padrone – il nuovo governo aveva abolito le classi e tutta la struttura sociale dei buke. Studia in tutte le migliori scuole di spada, di lancia e di bastone del paese sino a divenire talmente abile che pur portando in pubblico sino alla morte le due spade simbolo della casta abolita dei samurai, nessuno ebbe mai il coraggio di disarmarlo[17].

Takeda Sokaku fu molto criticato per il carattere irascibile e scontroso, per i modi altezzosi e arroganti, e per il disprezzo che pubblicamente nutriva nei confronti del nuovo ordine sociale. La sua figura va però misurata nel contesto di un paese che soffriva d’una profonda rivoluzione, dove i valori radicati da millenni nell’animo dei bushi vennero gettati alle ortiche in pochi anni. Essi vedevano il mondo crollare sotto i loro piedi. Adeguarsi non era facile, soprattutto per le convinzioni morali e i condizionamenti così forti che avevano subito sin dall’infanzia. Alcuni reagirono[18].

Takeda Sokaku volle rinominare l’arte della scuola e la chiamò Daito-ryu Aikijujutsu per richiamarsi ai nomi e luoghi d’origine dell’arte e del suo clan: Il castello di Daito del principe Shinra Saburo Yoshimitsu Minamoto e la particella “Aiki” che derivava dall’antico nome “Aiki-in-yo-ho” dell’arte in epoca Edo[19].

Takeda Sokaku fu l’uomo che fece uscire l’arte dal riserbo e dal segreto secolare in cui si era tramandata, e la insegnò a moltissimi allievi. Benché analfabeta, teneva corsi e registrava tutto in appositi registri che faceva compilare e firmare direttamente agli allievi (registri conservati presso l’honbu dojo di Abashiri) con minuziosità impressionante, che oggi ci permette di ricostruire molti eventi con un dettaglio incredibile[20].

Ebbe molti allievi importanti: ministri, ammiragli, generali, magistrati, potenti magnati dell’economia d’inizio secolo, forze di polizia e anche futuri maestri d’arti marziali tra i quali: Matsuda HosakuTakuma HisaYoshi SagawaYamamoto KakuyoshiTaiso HorikawaKodo HorikawaYoshita KotaroMorihei Ueshiba (fondatore dell’aikidō) e suo figlio Takeda Tokimune (19151993)[21].

Il 36° Sōke, Takeda Tokimune (19151993), decise di far conoscere al mondo le tecniche di difesa proprie di quest’arte marziale solo nel 1990, accettando i primi allievi stranieri e dando così il via alla sua diffusione nel mondo. Tutte le tecniche di Aikijūjutsu praticate all’interno della scuola costituirebbero l’eredità delle tecniche praticate dai bushi del clan Minamoto (XII secolo), poi dal clan Takeda (XVI secolo) e per ultimo (fino al 1868) dal Clan Aizu[22].