Karate

Kara significa vuoto. Te significa mano. La parola giapponese karate, nel complesso, si compone di vuoto e pugno, non il vuoto in sé, ma in relazione a un lavoro, a un’attività, cioè mettersi all’opera per fare il vuoto. Il termine zen ku, che indica lo spirito vuoto, l’assenza di Ego, può essere pronunciato anche “kara”. Il karate si pratica attraverso il karate-dō, dove  significa Via, ovvero il percorso di autoperfezionamento che si intraprende attraverso questa disciplina. Pertanto Karate-Dō significa “Via della Mano Vuota”. A Okinawa si praticava l’arte marziale dell’Okinawa-te, detta più semplicemente Te, ma anche Tode. Per facilitare la diffusione del karate in Giappone, Gichin Funakoshi e Kanryo Higaonna mescolarono i due nomi dell’arte di Okinawa: presero le parole Tode e Okinawa-te (e ovviamente anche Te) e ne fecero un parola unica: ToTe. Scelsero apposta l’ideogramma to perché si poteva leggere sia “to”, sia “Kara”.
Kara in questo caso voleva dire “vuoto”. La parola divenne perciò karate col significato di mano vuota, ovvero un’arte marziale senza l’uso di armi.

Questi concetti suggeriscono che il praticante di karate dovrebbe allenare la propria mente affinché sia sgombra, vuota da pensieri di orgoglio, vanità, paura, desiderio di sopraffazione; dovrebbe aspirare a svuotare il cuore e la mente da tutto ciò che provoca preoccupazioni, non solo durante la pratica marziale, ma anche nella vita. Si può quindi riassumere che il karate è un’arte; una disciplina che si applica a mani nude, di origine giapponese e che rafforza il corpo e lo spirito.

«Come la superficie di uno specchio riflette qualunque cosa le stia davanti, così il karateka deve rendere vuota la sua mente da egoismo e debolezze, nello sforzo di reagire adeguatamente a tutto ciò che potrebbe incontrare.»
(G. Funakoshi)

Storicamente a Okinawa, patria di quest’arte marziale, pur essendo in uso l’accezione karate, più spesso si adoperavano altre parole: te o bushi no te (la mano del guerriero).

Il carattere giapponese per “mano vuota” fu usato per la prima volta nell’agosto del 1905 da Chōmo Hanashiro, maestro di Okinawa, in Karate Shoshu Hen (Il combattimento nel Karate).

Stili del karate

Gichin Funakoshi, fondatore del Karate Shotokan

Inizialmente esistevano due scuole, Shorei e Shorin, le quali tecniche erano diverse tra loro. In generale possiamo dire che nello Shorei-ryu si dà maggiore enfasi alle tecniche delle braccia, alla respirazione e all’uso della forza, troviamo posizioni più corte e movimenti decisamente più circolari dello Shōrin-ryū, dove le posizioni sono più ampie e basse, le tecniche più agili e veloci e potenti e si usano più le gambe degli arti superiori[senza fonte]. Shorei e Shorin erano le due principali scuole che poi però si differenzieranno tra le tre città principali di Okinawa: TomariNaha e Shuri.

Alla fine del diciannovesimo secolo i nomi e gli stili si modificarono ancora e lo Shorin Ryu divenne il Shuri-te e il Tomari-te, mentre lo Shorei-ryu divenne il Naha-te. Il Naha-te, ideato da Kanryo Higaonna diede vita ad alcuni stili di karate, il cui principale è il Gōjū-ryū, la cosiddetta “scuola dura e morbida” sviluppata dal maestro Chojun Myiagi.

Lo Shuri-te e il Tomari-te si fusero insieme e diedero vita ad alcuni stili come il Wado-Ryu e lo Shotokan-ryu. Pertanto si può dire che esistono l’Area Shorin (poiché dallo Shorin-ryu nacquero lo Shuri-te e il Tomari-te) e l’Area Shorei (visto che dallo Shorei-ryu nacque il Naha-te)[senza fonte].

A Okinawa esiste una tradizione dove entrambi gli approcci Shorin e Shorei sono mescolati in uno stile unico, la cui maggiore scuola è quella di Kenwa Mabuni che insegna lo Shitō-ryū, anche se l’influenza maggiore di questo stile deriva dall’area shorei.

Goju Ryu

Chōjun Miyagi, allievo di Kanryo Higaonna (fondatore del Naha-te) fondò questo stile. Il termine Gōjū fu tratto dal maestro Miyagi da un precetto di un passaggio intitolato “Kenpo Hakku“, in un capitolo del “Bubishi” che recita: «Ho wa gōjū wo tondo su»[1], che significa “La legge dell’universo respira dura e morbida”. Il Gōjū-ryū deriva dall’antico Naha-te. Gōjū vuol dire “duro” (Gō) e “morbido” (Jū), ovvero uno stile che abbina tecniche dure a tecniche morbide. Questo stile è quello che ha ricevuto la maggior influenza cinese, poiché Kanryo Higaonna andò nella città cinese di Fuzhou a studiare l’arte del Chi-chi (o “boxe cinese”) e il suo allievo Miyagi passò 4 anni (1904-1908) in quella città a studiare quelle forme. Si dice che Higaonna studiò lo stile “appeso” di Shao Lin Chuan, uno degli stili a pugno duro o esterno del Chi-chi; Myiagi studiò quindi lo Shao Lin Chuan ma anche il Pa Kua Chang o della “palma-mano degli 8 trigrammi”, uno degli stili a pugno morbido o interno. La dottrina di combinare queste due arti opposte è detta Wu Pei Chi. Avendo appreso questi due stili, insieme al Naha-te di Higaonna, egli trasformò il karate nel karate di stile gōjū-ryū. Il Gōjū-ryū fu riconosciuto stabilmente in Giappone in due occasioni:

  • nel 1933 venne riconosciuto come budō dalla Dai Nippon Butoku Kai, ovvero fu riconosciuto come arte marziale moderna (gendai budo). Il Gōjū-ryū fu la prima scuola di Karate ufficialmente riconosciuta dal budō nel Giappone dal Butoku Kai e unico stile di karate con una piena rappresentazione sia ad Okinawa che in Giappone. Questo riconoscimento mette lo stile Goju-ryu Karate-do fra le moderne arti marziali (o Gendai Budo).
  • nell’anno 1998, quando la Dai Nippon Butoku Kai riconobbe il Goju-ryu Karate-do come un’antica forma di arte marziale (koryū) e come bujutsu (ovvero le arti marziali disarmate).[2][3] Il riconoscimento quale koryu bujutsu indica un cambiamento nella visione della società giapponese nelle relazioni fra GiapponeOkinawa e Cina. Fino al 1998, infatti, solamente le arti marziali praticate in Giappone dai samurai venivano accettate come koryu bujutsu.[senza fonte]

Il fondatore del Gōjū-ryū Chōjun Miyagi (宮城 長順, Miyagi Chōjun, 1888–1953)

Lo studente più promettente di Kanryo Higashionna fu Chōjun Miyagi (1888 – 1953), che cominciò ad addestrarsi sin dall’età di 14 anni. Nel 1915 Miyagi ed il suo amico Wu Xiangui (conosciuto come Go Kenki) andarono a Fuchou alla ricerca dell’insegnante di Higaonna. Stettero per un anno a studiare sotto molti maestri, ma la vecchia scuola chiuse a causa della Ribellione dei Boxer. Al loro ritorno, Higaonna morì. Molti degli studenti di Higaonna continuarono ad addestrarsi con Miyagi e fu a loro che egli presentò un kata chiamato Tensho, che aveva adattato dal Rokkishu, probabilmente la scuola della Gru Bianca del Fujian[4][5].

Il Goju-ryu attualmente è suddiviso in varie scuole, di cui quella del maestro Yamaguchi è la più diffusa anche perché rimasta più fedele ai canoni tradizionali del suo fondatore Miyagi[6].

Caratteristiche

Molta enfasi viene data alla respirazione: la respirazione ibuki. Le contrazioni muscolari, i movimenti lenti e potenti caratteristici di questo stile richiedono grande vigore fisico. La respirazione delle tecniche go viene detta respirazione solare (ibuki yoo), mentre quella delle tecniche ju viene detta respirazione lunare (ibuki in).

La respirazione solare (go) solitamente è poco utilizzata e avviene con la parte più bassa dei polmoni, mediante l’abbassamento dei fasci addominali e l’ispirazione nasale. L’espirazione tramite la bocca, avviene in maniera rumorosa con l’aria espulsa per la contrazione addominale e la rotazione in avanti del bacino. Tutti i muscoli e tutto il corpo sono contratti al massimo (contrazione kime). Il kata che esprime al meglio questa respirazione e le tecniche go è il kata Sanchin.

La respirazione lunare (ju) è invece molto più morbida, sempre addominale ma meno profonda e quindi meno rumorosa ed è quindi usata nelle tecniche morbide e sciolte. Il kata che esprime al meglio questa respirazione e le tecniche ju è il kata Tensho.

La fascia addominale (chiamata tanden) è quindi il centro di gravità dell’uomo, il fulcro della vita, il punto da cui si sprigiona l’energia interiore (ki o secondo altre scritture qi o ci) ed è quindi la parte del corpo che va allenata maggiormente. Sempre dal tanden nasce la kime, ovvero la contrazione; l’apice della kime si raggiunge con il kiai, un urlo di sfogo dato dall’unione (ai, contrazione del verbo awaso) dell’energia/spirito (ki), ovvero è l’arte di concentrare la propria energia mentale su di un unico punto del bersaglio col fine di distruggerlo. Il kiai si manifesta come un breve ma intensissimo urlo originato da una contrazione addominale che svuota i polmoni con l’effetto di esaltare un colpo sferrato.

Inoltre, nel Goju-ryu, al fine di conservare l’equilibrio e di ottenere tecniche più penetranti, per ogni movimento si rende necessario un contro-movimento opposto in modo da ottenere una coppia di forza. I movimenti sono molto circolari, basati sul principio del combattimento a corta distanza (leve) e sfruttamento della forza dell’avversario (come nel JuJitsu). Questo stile presenta posture raccolte e con molta retroversione del bacino.

Filosofia

Miyagi credette che “lo scopo ultimo del karate-do era quello di creare la persona, conquistare la miseria umana e trovare la libertà spirituale”.[7] Egli dichiarò che era importante, per l’equilibro dell’allenamento all’autodifesa, “l’allenamento della mente, o con la coltivazione del precetto karate-do ni sente nashi (‘Non c’è un primo attacco nel karate’)”, enfatizzando inoltre l’importanza della “coltivazione dell’intelletto prima della forza”.[8] È lo stile che si è modernizzato di meno in quanto secondo le credenze del Goju-ryu, la sfera del karate è rappresentata da una mano e le competizioni sportive sono viste come il mignolo di essa.